FAQ CALDAIE VAILLANT - DOMANDE FREQUENTI

ASSISTENZA E CONSULENZA TECNICA RISCALDAMENTO ENERGIE RINNOVABILI E CLIMATIZZAZIONE
 


 

 

Detrazioni per Caldaie e Climatizzatori Vaillant
 

ORARI DI APERTURA
Orario Continuato
Lunedì - Venerdì: 8.30 - 18.00
Sabato: 8.30 - 12.00

T./F. 0331.540511
C. 338.2767514
 
info@essepicaldaie.it


PRONTO INTERVENTO
(Stagione Invernale)
Sabato: 12.00 - 17.00
Domenica: 9.00 - 12.00
C. 338.2767514

 

  Comuni di Competenza

Caldaie e Condizionatori Vaillant Legnano


 
Domande Frequenti

 
Le risposte alle domande più frequenti:


Che cos'è un impianto termico?
L'impianto termico è l'impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo.
Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; Attenzione: tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi installati nella singola unità immobiliare, è maggioro o uguale a 5 kW

Impianti a biomassa (es. stufa a pellet)
Il nuovo dispositivo regionale DGR X/1118 si applica anche agli impianti a biomassa legnosa, obbligando i responsabili di impianto, a sottoporre i propri generatori a regolare manutenzione e registrazione su libretto di impianto.
La Stufa a pellet, esempio tipico di un impianto a biomassa, è un prodotto simile alla stufa a legna, adibita al riscaldamento di ogni tipo di ambiente, che utilizza come combustibile solido il pellet. È considerato un prodotto ecologico poiché per ottenere il pellet, vengono di norma utilizzati gli scarti di lavorazione del legno. (segatura, ecc.).
 

 
Per tutte le potenze, obbligo pulizia dei sistemi di evacuazione dei fumi con periodicità biennale.

Rendimenti minimi impianti a biomassa.


Cadenze controlli di manutenzione caldaie a gas
La trasmissione dei rapporti di controllo alle Autorità competenti (Comune/Provincia) avviene con la seguente cadenza:

 
Se indicato nel libretto di uso e manutenzione a corredo della caldaia, è fatto obbligo anche la manutenzione annuale del generatore installato.

 

Sono esentati dal pagamento dei contributi, per le sole due prossime stagioni termiche, gli impianti di climatizzazione estiva, gli impianti e gli apparecchio alimentati da biomassa legnosa


TARGATURA caldaie
Gli impianti termici dovranno essere "Targati" con un codice univoco che consentirà l'identificazione dell'impianto. La targatura avverrà al momento dell'installazione o, alla prima manutenzione utile.
Il sistema di distribuzione verrà effettuato dagli operatori del settore.
Data inizio TARGATURA per regione Lombardia sarà 1 agosto 2014.

Nuovi libretti di impianto:
A partire da giugno 2014, i libretti di impianto utilizzati fino ad oggi dovranno essere sostituiti da un nuovo libretto composto da più schede modulabili a seconda delle caratteristiche dell'impianto.

Collegamenti a camino di apparecchi a gas di tipo C
Il collegamento tra apparecchio tipo C ed il camino, canna fumaria deve essere effettuato tramite condotti di scarico fumi.
I condotti di scarico fumi devono essere a vista o ispezionabili e smontabili.
Avere lunghezza equivalente totale compresa tra i valori di lunghezza minima e massima consentita dal fabbricante dell'apparecchio al quale sono collegati.
Non è consentito installare condotti di scarico fumi e di aspirazione di aria comburente in locali con pericolo d'incendio (autorimessa, box auto)

Collegamenti a camino di apparecchi a gas di tipo B
Il collegamento tra un apparecchio di tipo B e la canna fumaria è denominato come canale da fumo.
Il canale da fumo deve essere dotato di un tratto verticale di lunghezza non minore di due diametri.
Dopo il tratto verticale, per tutto il percorso rimanente, andamento ascensionale, con pendenza minima del 5%. La parte ad andamento sub-orizzontale, non deve avere una lunghezza di 1/4 dell'altezza efficace H del camino e comunque non deve avere una lunghezza maggiore di 2500 mm. Il collegamento a canne collettive il tratto sub-orizzontale, non deve avere una lunghezza maggiore di 1000 mm.
Sono consentiti solo 2 cambi di direzione con esclusione del raccordo di imbocco al camino o canna fumaria. Gli eventuali cambi di direzione devono essere realizzati unicamente mediante l'impiego di elementi curvi rigidi.
Per tutta la sua lunghezza, deve avere un diametro non minore di quello dell'attacco del tubo di scarico dell'apparecchio. Nel caso in cui il camino o la canna fumaria avessero un diametro minore di quello del canale da fumo, deve essere effettuato un raccordo conico in corrispondenza dell'imbocco.

Prescrizioni e divieti
E' vietata l'installazione di apparecchi di utilizzazione nei locali/ambienti costituenti le parti comuni dell'edificio condominiale quale per esempio scale, cantine, vie di fuga.
E' vietata l'installazione di apparecchi di utilizzazione all'interno di locali con pericolo incendio (autorimesse, box). Tale limitazione deve essere applicata ai canali da fumo, ai condotti di scarico fumi e ai condotti di aspirazione.
Tuttavia, i locali di installazione degli impianti alimentati a gas naturale e degli apparecchi di portata termica nominale massima non maggiore di 35 kW possono comunicare direttamente con le autorimesse fino a 9 posti auto purché la comunicazione sia protetta da porte aventi caratteristiche di resistenza al fuoco E 120.
E' vietata l'installazione di apparecchi di tipo B destinati al riscaldamento degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria,in locali nei quali siano presenti generatori di calore a legna.
E' vietata l'installazione di apparecchi di tipo B nei locali a uso bagno.

Prova del tiraggio
La prova del tiraggio deve essere effettuata con idonea strumentazione, ed è necessaria per verificare il corretto funzionamento della canna fumaria.
Tiraggio sufficiente: ≥ 3 Pa
Tiraggio insufficiente: ≤ 1 Pa
Tiraggio tra 1 e 3 Pa si effettua controllo incrociato con metodo indiretto

Dimensioni prese aria nei locali
(aerazione: è l'apertura realizzata in prossimità del soffitto / ventilazione: è l'apertura realizzata in prossimità del pavimento)
Le aperture di aerazione o di ventilazione possono essere realizzate su muri, porte finestre di pareti del locale d’installazione rivolte verso l’esterno.
Condizioni essenziali: deve essere garantito il libero passaggio d’aria; deve essere misurabile la sezione netta; devono essere protette nella zona di ingresso e uscita aria con griglie garantendo la sezione utile netta.
Dimensioni delle aperture per gli apparecchi di cottura di P≤11,7 kW dotati di termocoppia: aerazione e ventilazione possono essere assicurate con due aperture permanenti, ognuna con una sezione di ≥100 cm². Se l’aerazione è realizzata con elettroventilatore, l’apertura di ventilazione può essere realizzata a qualsiasi quota.

Installazione di una caldaia tipo B in cucina
Nel caso che la caldaia tipo B fosse installata in cucina, e comunque dove fosse presente anche un apparecchio di cottura, la superficie netta totale dovrà essere uguale alla somma totale della portata termica nominale di tutti gli apparecchi presenti nel locale (kW) per il coefficiente di ventilazione (6 cm²).
Esempio: 24 kW x 6 cm²= 144 cm²
Attenzione: gli estrattori elettro-meccanici non devono influenzare la corretta evacuazione dei prodotti della combustione degli apparecchi di tipo B.
Una corretta verifica del tiraggio della caldaia prevede un funzionamento contemporaneo dell’estrattore alla massima potenza.

Quale tipo di caldaia offre il miglior rendimento?
La caldaia a condensazione  offre il miglio rendimento in quanto recupera il calore latente contenuto nei fumi di combustione che nelle caldaie tradizionali viene perso.

Chi è responsabile del'impianto di riscaldamento autonomo?
Il responsabile dell'impianto di riscaldamento autonomo è il proprietario o l'occupante o per essi un terzo responsabile.

Quale tipologia di caldaia posso installare in un monolocale?
In un monolocale va installato un apparecchio di tipo "C" a camera stagna, riscaldamento + acqua calda per i sanitari.

Che apparecchio per riscaldamento e produzione di acqua calda scegliere per una villetta monofamiliare su due piani più un piano interrato?
L’apparecchio migliore è sicuramente una caldaia a basamento a condensazione VKK abbinata ad un accumulo per l'acqua calda sanitaria modello VIH.
Indubbiamente è una soluzione di assoluta qualità, massimo rendimento e rispetto per l'ambiente.

Quando posso accendere il riscaldamento?
Il territorio della Regione Lombardia fa parte della zona climatica "E". Questo vuol dire che è possibile accendere il riscaldamento dal 15 ottobre al 15 aprile per un massimo di 14 ore al giorno. Solo nel caso di particolari eventi climatici, si può accendere il riscaldamento oltre il periodo indicato, per la metà delle ore quotidiane consentite, cioè per non più di 7 ore.

Che cos’è il CURIT?
Il CURIT è il "Catasto Unico Regionale per Impianti Termici": un solo strumento informatico per tutta la Lombardia, a disposizione dei cittadini e operatori del settore. Il CURIT è l’unica modalità valida di certificazione degli impianti termici in Lombardia (L.R. 24/06, DGR 8355/08). Un impianto sottoposto a regolare manutenzione è garanzia di maggiore sicurezza, risparmio energetico e minori emissioni inquinanti.

È obbligatorio rivolgersi a un tecnico CURIT?
È fondamentale che il manutentore sia in regola con le autorizzazioni e i requisiti previsti dalla legge. Un tecnico iscritto al CURIT si assicura che tutte le disposizioni amministrative previste in Regione Lombardia vengano rispettate.

E’ obbligatoria la manutenzione di uno scaldabagno? Devo certificare la manutenzione?
Anche se non ci sono obblighi di legge, consigliamo per la propria e l’altrui sicurezza di sottoporre regolarmente tutti gli impianti a manutenzione. Per le stufe e scaldabagni non serve certificare la manutenzione.
 
 
Lavaggio Impianti Riscaldamento

Informazioni Utili
     • Domande frequenti
     • Consigli pratici
     • Come risparmiare
        sulla bolletta del gas

Presentaci un amico  

 

Seguici su Facebook

 

 
 
ESSEPi energy
S.a.s. di Prada Stefano & C.
Via Sondrio, 14 - 20025 Legnano (MI) - T./F. 0331.540 511 - C. 338.2767514
Registro Imprese di Milano REA 2026003 - P.IVA 08432910969
Abilitazione alla conduzione di impianti civili di potenza termica nominale superiore ai 232 kW
Abilitazione alla manutenzione di apparecchi fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore
 

 

PRIVACY POLICY - COOKIE POLICY


creazione sito
e SEO a cura di www.mwebsolution.it